lunedì 24 giugno 2013

risotto giallo, asparagi e stracciatella: il trionfo dell'estate


Ingredienti

brodo vegetale 3l
cipolla 1
riso vialone nano o carnaroli 12 pugni circa
asparagi una decina
zafferano in polvere 1-2 bustine
burro una noce
parmigiano q.b
stracciatella 200g
sale, olio evo q.b


Pulite e lessate gli asparagi quel tanto che basta da rendere le punte belle morbide. Tagliate a metà per il lungo i gambi e poi le strisce ottenute dividetele a metà mentre le punte vanno lasciate intere. Soffriggete con l'olio la cipolla tagliata a cubetti sottili, aggiungete i gambi degli asparagi. Unite il riso e tostatelo circa 2-3 minuti, aggiungete dei mestoli di brodo e portate a cottura. Prima di aggiungere l'ultimo mestolo scioglietevi lo zafferano. Quando il riso sarà della giusta cottura (15 minuti circa) toglietelo dal fuoco, aggiungete le punte degli asparagi, il parmigiano e il burro. Chiudere con un coperchio e lasciare mantecare per due minuti. Servire il risotto con al centro una cucchiaiata di stracciatella fresca. 

 

 

 

8 commenti:

  1. fantastico questo risotto! una vera delizia :D

    un bacione
    sabrina

    http://mycherrytreehouse.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Sabrina ! un bacione a te ! :)

      Elimina
  2. Buonissimo questo risotto, Simona... molto, molto invitante! :D Complimenti, salvo subito la ricetta! Immagino la bontà con quella stracciatella... mmmm :D Un bacione e buona serata :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Vale! mi fa piacere se provi la ricetta è golosissimo davvero e la stracciatella fresca ci sta da paura!!!! :) quando l'ho cucinato hanno fatto tutti il bis! un bacione a te

      Elimina
  3. mmm! super invitante questo riso... La stracciatella poi, lo renderà super cremoso!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si la stracciatella è il tocco in più fresca e dal sapore avvolgente ... rende questo semplice risotto una prelibatezza! baci!

      Elimina
  4. buono ... mi piace molto la stracciatella sul risotto , gli dona quella certa freschezza ed il giusto grado di acidità (secondo il mio palato )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ben detto Pamy! io on avrei più smesso di mangiarlo! meno male che poi è finito altrimenti.... :) un abbraccio e a presto!!!

      Elimina