giovedì 14 novembre 2013

Il mistero della sac à poche senza sac !



I krumiri sono uno di quei biscotti che con me avevano una sfida aperta... avrò provato un milione di ricette... almeno 3 tipi di farine di mais... 7 tipi di bocchette e soprattutto avrò rotto almeno 10 sac à poche usa e getta che nel mio caso erano solo getta.... perchè le dovevo buttare ancora prima di riuscire ad usarle!!!! Eh si purtroppo il mio problema più grande era l'impasto.... sempre, perennamente duro... anzi, durissimo !!!!
So bene che per avere la forma tipica dei krumiri l'impasto dev'essere un pò sodo altrimenti in cottura poi non tiene .... e ovviamente, anche l'impasto che si ottiene dalla ricetta che vi darò non è da meno, ma la differenza è la tecnica ;) eh si perchè oggi mi sono incavolata e alla fine il sacchetto l'ho buttato e ho usato solo la bocchetta!!!! 
Forse il mio metodo non è da grande maestro pasticcere, forse è poco elegante, ma se anche voi avevate il mio stesso problema con questo metodo i krumiri oltre a impastarli riuscirete anche a cuocerli e mangiarli!!!! :)


La ricetta l'ho tratta dal libro di M. Santin "Frollini" e la riporto tale e quale anche se io poi ho fatto mezza dose ...




Ingredienti:

300g di farina di mais finissima (io ho usato la fumetto)
300g di burro morbido
210g di farina 00
165g di zucchero semolato
semi di un baccello di vaniglia
60g di tuorli


Preparazione:

Lavorare il burro in planetaria finchè non è molto morbido, aggiungere metà dei due tipi di farina precedentemente setacciati, lo zucchero, la vaniglia e i tuorli. Quando l'impasto risulterà ben amalgamato aggiungere la farina rimasta. 
prendere una bocchetta da sac à poche rigata (circa 12mm) mettere all'interno della bocchetta una piccola quantità d'impasto cercando di pressarlo bene per evitare che si creino vuoti d'aria. Prendere una teglia da forno coperta con carta da forno e spingere con il dito l'impasto e creare tante righe lunghe più o meno 6cm. Quando la teglia è stata riempita piegare leggermente i krumiri per dargli la loro tipica forma a manubrio... infornare a 165°C fino a doratura. 
  


7 commenti:

  1. beh è il caso di dire chi la dura la vince :D complimenti! sono perfetti e sicuramente anche buonissimi :D

    un bacione
    sabrina

    RispondiElimina
  2. Non sarà il metodo da manuale ma alla fine il risultato è bello ed immagino anche ottimo!
    Dolce notte
    Enrica

    RispondiElimina
  3. l'importante è riuscire ^_^ cmq per la cronaca ti dico che con questo metodo "solo bocchetta" una zia di mio marito faceva dei pasticcini di mandorla perfetti! ^______^ come i tuoi krumiri :*
    baciotto

    RispondiElimina
  4. Evvvai ! Alla faccia di quei stramaledetti impasti duri. Simona, mi hai dato una bella dritta perché le tue disavventure con i krumiri sono anche le mie. Che nervi quando il sac a poche scoppiava, vero ?! Alla fine ci ho rinunciato ma tu mi hai dato un'idea risolutiva

    RispondiElimina
  5. Io oooooodio la sac à poche! Bravissima, sono venuti perfetti!

    RispondiElimina
  6. anch'io rompo sempre le sac a poche con impasti duri e mi piace il tuo metodo!! e poi l'importante è il risultato e questi biscottini sono buonissimi.. si vede!!
    appena arrivata sul tuo blog, mi sono aggiunta tra i follower!
    un abbraccio
    vale

    RispondiElimina
  7. hai trovato una soluzione geniale! ho la ricetta di Montersino, è una di quelle che devo provare, ti farò sapere se avrò lo stesso problema, io non li ho mai fatti. Bravissima Simo, bacioni

    RispondiElimina